La migliore libreria online gratuita

Voci da un altro mondo. Lettere dal manicomio senza censura. «Matti» di ieri e invisibili di oggi

FORMAT: PDF EPUB MOBI
DATA DI RILASCIO: 01/04/2020
DIMENSIONI PER FILE: 8,84
ISBN: 9788832043341
LINGUAGGIO: italiano
AUTORE: Enrico Contenti
PREZZO: GRATIS

Il miglior Voci da un altro mondo. Lettere dal manicomio senza censura. «Matti» di ieri e invisibili di oggi pdf che troverai qui

Descrizione:

Leggere e "vedere" le lettere scritte alla Associazione per la Lotta contro le Malattie Mentali (ALMM) dai reclusi nei manicomi, nei civilissimi anni settanta del Novecento, restituisce valore e dignità a quelle persone che ne sono state private e ci aiuta a comprendere l'estrema sofferenza di chi, oggi come allora, è afflitto da problemi psichici. Nel libro traspaiono indignazione e rabbia verso un sistema sociale che, dopo aver cancellato le forme di comunità solidali del secolo scorso, ha lasciato il cittadino solo e fragile di fronte al senso di precarietà e insicurezza che lo sovrasta. Un sistema che non soltanto contribuisce alla continua crescita del disagio mentale, ma sembra quasi occultarlo per non mostrare i suoi "scarti". Un sistema che non manca di trarne profitto attraverso l'immenso giro d'affari dell'industria del farmaco o delle strutture private che si rafforzano a fronte di un'assistenza pubblica che, nonostante pochi esempi virtuosi di "resistenza", continua a impoverirsi di risorse umane e materiali.

...abio Pighin - MARCIANUM PRESS: prenotalo online su GoodBook ... Libreria di Sensibili alle foglie ... .it e ritiralo dal tuo punto vendita di fiducia senza spese di spedizione. Lettere a Marina di Marina Ripa di Meana - MARETTI EDITORE: prenotalo online su GoodBook.it e ritiralo dal tuo punto vendita di fiducia senza spese di spedizione. "Matti" di ieri e invisibili di oggi Leggere e "vedere" le lettere scritte alla Associazione per la Lotta contro le Malattie Mentali (ALMM) dai reclusi nei manicomi, nei civilissimi anni settanta del Novecento, restituisce valore e dignità a quelle persone che ne sono state private e ci aiuta a comprendere l'estrema sofferenza di chi, oggi come allora, è afflitto da problemi psichici. L'8 settembre 1943 il tenente di artiglieria Giovannino G ... Libri Diari e lettere: Novità e Ultime Uscite ... . L'8 settembre 1943 il tenente di artiglieria Giovannino Guareschi, come molti altri soldati italiani sorpresi dall'armistizio, rifiuta di giurare fedeltà alla RSI e viene deportato nei campi di concentramento nazisti. Nei due anni di prigionia che seguiranno annoterà minuziosamente la vita nei lager, le vicende degli altri prigionieri e le sue riflessioni. Il grande diario, uscito sessant ... Oggi, l'unico modo per giustizia a queste persone, che come tutti avevano bisogno di un contatto con gli altri, di comunicare con il mondo; l'unico modo per poter vendicare questo assurdo crimine all'epoca legalizzato dall'istituzione manicomiale, è restituire una voce alle loro parole, rendere vivi questi messaggi d'amore, di delirio, di assoluta lucidità, di speranza e disperazione. All'interno della manifestazione Ville aperte in Brianza uno spettacolo rievoca la storia dell'ex manicomio di Mombello, dove morì il figlio illegittimo di Mussolini, attraverso testimonianze di ... Scopri Lettere dal manicomio di Tasso, Torquato, Reddavide, G.: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon. "Ieri Fortebraccio, dalle colonne dell'Unità, ha invocato per noi, previa qualche iniezione, il ricovero immediato, e a titolo definitivo, in manicomio. La cosa non ci stupisce: sappiamo benissimo che di manicomi e di iniezioni nessuno s'intende più dei comunisti: chi c'è passato giura che ci hanno fatto una mano da maestri. C'è un toccante articolo sul Corriere della Sera che riguarda la raccolta in un volume delle lettere scritte tra il 1880 e il 1931 dai pazienti dell'ex manicomio Sant'Antonio abate di Teramo. Il manicomio è stato chiuso nel 1994 e le lettere, sequestrate e mai spedite ai familiari, erano abbandonate nell'archivio della struttura ospedaliera. Le lettere nel manicomio di Volterra. La ricordo benissimo la prima volta in cui ho messo piede a Volterra.Potevo avere al massimo otto anni. Ero piccola, ancora non sapevo niente dell'amore eppure sono sicura che quella fu la prima volta che m'innamorai....