La migliore libreria online gratuita

Guerre, conflitti, violenza. La cultura dell'odio dal Novecento fino all'11 settembre

FORMAT: PDF EPUB MOBI
DATA DI RILASCIO: 21/06/2018
DIMENSIONI PER FILE: 4,7
ISBN: 9788876677120
LINGUAGGIO: italiano
AUTORE: L. Marmiroli
PREZZO: GRATIS

Tutti i libri che hai letto e scaricato da noi

Descrizione:

Oltre dieci studi letterari su tre parole che hanno drammaticamente attraversato il secolo scorso: guerre, conflitti, violenza. L'odio nel romanzo "II giardino dei Finzi Contini" e la violenza nei racconti di Stefano Benni; la rappresentazione della guerra nei "Due imperi.... mancati" di Aldo Palazzeschi; l'occupazione italiana della Jugoslavia in due opere narrative italiane degli anni Cinquanta: "Diario di un soldato semplice" (1952) di Raul Lunardi e "La casa di Novach" (1956) di Mario Terrosi, per arrivare alla "narrativa" su stampa e quotidiani con le rappresentazioni della Strage di Srebrenica nel quotidiano torinese La Stampa. Chiudendo, a quarant'anni dalla morte, con alcune riflessioni sulle "Lettere dalla prigionia di Aldo Moro". Un libro che coniuga storia e attualità nel fil rouge di una cultura che accompagna, purtroppo da sempre, gli essere umani.

...il secolo scorso: guerre, conflitti, violenza ... Guerre, conflitti, violenza. La cultura dell'odio dal ... ... . Le migliori offerte per Oltre Il Giardino in Storia e Politica sul primo comparatore italiano. Tutte le informazioni che cerchi in un unico sito di fiducia. Chi cerca, Trovaprezzi! Guerre, conflitti, violenza. La cultura dell'odio dal Novecento fino all'11 settembre. Anno 2018, Editore Cesati. € 17,00. Compra nuovo. Vai alla scheda. Aggiungi a una lista + Da ieri a oggi. Tragitti del sud nella cultura italiana. An ... PDF Sezione Nome Istituzione Titolo Della Relazione Orario Aula ... . Tragitti del sud nella cultura italiana. Anno 2018, Editore Cesati. Racconti di guerra dall'Unione Sovietica. La ricezione dell'opera di Alja Rachmanova nell'Italia fascista in Guerre, conflitti, violenza. La cultura dell'odio dal Novecento fino all'11 settembre, a cura di L. Marmiroli, J. Nagy e V. Martore, Franco Cesati Editore, Firenze 2018, pp. 133-142, ISBN 9788876677120; La dimensione sociale delle guerre Dilatazione dello spazio della guerra 1700: Campagne militari brevi, condotte evitando, per quanto possibile, il coinvolgimento dei civili 1800: La guerra coinvolge tutta la nazione, nelle sue varie componenti sociali, attraverso la leva obbligatoria. Aumenta la durata dei conflitti La rappresentazione della Grande Guerra in "Due imperi... mancati" di Aldo Palazzeschi, in Lorenzo Marmiroli, József Nagy e Vanessa Martore (a cura di), Guerre, conflitti, violenza. La cultura del Novecento fino all'11 settembre, Firenze, Franco Cesati, 218, pp. 61-72. 74. Il romanzo e la scienza, in Il romanzo in Italia. Facebook page opens in new window YouTube page opens in new window Instagram page opens in new window La fine della Guerra Fredda ha acceso l'interesse su due importanti questioni sui conflitti etnici: dove vi è un conflitto etnico si può verificare la violenza che può sfociare anche in una violenza su vasta scala (studi di sicurezza, studi strategici, politica mondiale). Guerre, conflitti, violenza. La cultura dell'odio dal Novecento fino all'11 settembre. Amico zenzero dalla «a» alla «o». La natura fa miracoli, lo zenzero è uno di essi. La storia, i rimedi per la salute e le ricette in cucina. Diaz. DVD. Con libro. Strenne dell'Ottocento a Milano. Per questo, è interessante sottolineare fino a qual punto concetti quali la «brutalizzazione» dei soldati della Prima Guerra mondiale o la «cultura della guerra», malgrado il fatto che siano stati subito contestati nel mondo degli storici, siano stati velocemente integrati nei manuali scolastici e nei programmi francesi, molto più rapidamente, in ogni caso, di molte proposte e concezioni ... la violenza genera violenza. Un conflitto genera conflitti ancor più grandi. Noi dobbiamo far fronte alla forza dell'odio con la forza dell'amore. Dobbiamo sostituire alle forze del corpo quelle dell'anima. Il nostro scopo non potrà mai essere quello di umiliare o annientare l'uomo bianco, ma Abolire la guerra unica speranza per l'umanità. Il discorso pronunciato da Gino Strada, fondatore e Direttore Esecutivo di EMERGENCY, nel corso della cerimonia di consegna del "Right Livelihood Award 2015", il "premio Nobel alternativo". L'uso corrente del termine conflitto che si fa nella lingua italiana è probabilmente legato ad aspetti della cultura mediterranea che più di quella anglosassone risente di componenti di carattere fusionale, se non simbiotico, per cui si passa dall'armonia totalizzante alla violenza o alla guerra. È una lingua che fatica a considerare un'area intermedia basata sulla compresenza di ... Una riflessione sul Novecento: le guerre e, dopo le guerre, la ricostruzione e le riforme Com'è tristemente noto, la prima metà del Novecento fu teatro di due terribili guerre mondiali: quella degli anni 1914-1918 che costò complessivamente la perdita di circa 9 milioni di vite umane e quella ancor più cruenta degli anni 1939-1945 che costò complessivamente la perdita di circa 38 ......